martedì, aprile 13, 2021

Bisket Jatra è arrivato capodanno

Sabato è iniziato il festival di Bisket Jatra nella città di Bhakrapur 

Questo festival risale al tempo dei Lichchhavi e viene celebrato soprattutto a Bhaktapur per la durata di circa una settimana e storicamente è stato scelto per segnare la fine e l’inizio del nuovo anno Nepalese. Come tutte le feste e come tutti i luoghi in Nepal è legato alla storia e a delle leggende che stanno a simboleggiare sempre la vittoria del bene sul male e la prosperità per il luogo dove è celebrata. 

E’ una gran processione di più giorni con i carri che trasportano, le divinità induiste, tra cui spiccano Bhairab che è il patrono di Bhaktapur e Badrakhali, e che partono da Taumadi Tole il 1° giorno del festival. 

Nel 2° e 3° giorno la processione continua con le effigi delle divinità induiste che si crede scendano in città dai loro troni celesti.

il 4° giorno, oggi, è l’ultimo giorno dell’anno Nepalese secondo il calendario Vikram Sambat, e si innalzano due pali, rappresentanti demoni, uno nella piazza dei vasai e l’altro in Yosinkhel, un palo alto 25 metri che ha l’effige di Indra, divinità vedica, il guerriero che ha ucciso il serpente Vrtra, il costrittore. 

Il 5° giorno è il Navavarsha, il primo giorno dell’anno nepalese. Si celebra al mattino, con la cerimonia del Lingo Jatra a Bhelukhel, tirando giù il palo di Yosinkhel, che era stato eretto il giorno precedente e che sta a simboleggiare la caduta del male di fronte al bene. Questa rappresentazione ricorda la leggenda di epoca Malla che narra che il re era costretto a trovare un marito per la figlia principessa ogni giorno, tutti i giorni, in quanto ogni volta, dopo la prima notte di matrimonio, la sposa lo trovava morto. 

Accadde che il figlio di una anziana donne fosse stato scelto come sposo e la madre, preoccupata per le sorti del figlio chiese consiglio a un’altra anziana signora, che suggerì al figlio di non addormentarsi durante la notte. Fu così che lo sposo restò sveglio e nella notte vide uscire dei fili rossi dalle narici della moglie, che si tramutarono in pericolosi serpenti costrittori. Prima che questi diventassero grandi, lui li uccise, spezzando il corso di questi funesti eventi, portando finalmente gioia e prosperità alla città dando finalmente inizio a una stirpe di vincitori. Questo evento è simboleggiato dall’abbattimento del palo di 25 metri addobbato con dei nastri rossi che simboleggiano i serpenti. Si seppe poi che l’anziana donna consigliera, altri non fosse che Badrakhali, la consorte di Bhairab. 

Durante la festa c’è poi un incontro/scontro tra i carri di Bhairab e Bhadrakali vicino a Taumadhi Tole, che sta a simboleggiare l’unione tra il maschile e il femminile che genererà fertilità per il nuovo anno. 

Il 6° giorno a Thimi, un villaggio a 10 minuti da Bhaktapur,  si celebrano altre due feste che fanno sempre parte del Bisket Jatra, il Balkumari Jatra/Sindoor Jatra e il Bode Jatra. Anch’esse due processioni.

All photos: AMIT MACHAMASI